The pros and cons of hitch hikingQuesta mattina ho lasciato lo scooter in box e ho usato la macchina e, per sopportare meglio il traffico, mi sono ascoltato un vecchio cd di Roger Waters (geniaccio incredibile, ex leader dei Pink Floyd) poco conosciuto: “The pros and cons of hitch hinking”, ossia “i pro e contro dell’autostop”. Grandioso…  veramente un’opera spettacolare alla quale hanno partecipato anche Eric Clapton, il sassofonista David Sanborn, e il tastierista degli Status Quo Andy Bown.

Curiosità: nel 1978 Waters portò due cassette contenenti le versioni demo di questo album e di The Wall ai suoi compagni, che optarono per The Wall, anche se, come raccontato da Nick Mason nella biografia del gruppo, il loro manager Steve O’Rourke pensò che Pros e Cons of Hitch Hiking fosse migliore. Alla fine decisero che The Wall sarebbe divenuto un album dei Pink Floyd e, dopo la sua scissione dalla band, questo è diventato il primo album solista di Roger Waters.

Se ne volete un assaggio…

Di luca de gregorio

Luca De Gregorio, classe 1966, è un informatico cresciuto (ma senza esagerare) in quel di Sesto San Giovanni, alle porte di Milano. E' il fondatore di diverse BBS (Castello dei McGregor, Blu Hotel, Inferno, Galactica, Pandemonium), autore di software (DL Viewer), musicista compositore (non prof.)... attualmente impiegato in Rizzoli Education S.p.A del gruppo Mondadori, dove si occupa di eventi e marketing.

Un pensiero su “The pros and cons of hitch hiking”
  1. I Pink Floyd del dopo Barret erano ROGER WATERS!!!
    Oltre a questo album, consiglio vivamente l’ascolto di “Amused to death” 1992.
    In assoluto reputo quest’ultimo IL capolavoro di Waters.
    Una articolarità dell’album è tra l’altro che è stato registrato in QSound (http://www.qsound.com/index.htm).

    TheBags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.